Primo Piano Scienza News

Scoperto buco nero nella via Lattea

Buco-nero

Il satellite della Nasa Swift ha scoperto una sorgente di raggi X proveniente dalla costellazione del Sagittario, nei pressi del centro della Via Lattea.

L’emissione di questo particolare tipo di raggi sarebbe dovuta all’esplosione di una nova all’interno della nostra galassia, un evento molto raro:  a scatenare questo singolare fenomeno potrebbe essere stato la caduta precipitosa del gas immagazzinato verso una stella di neutroni o un buco nero.

Per la sua rarità la scoperta ha scatenato l’entusiasmo degli scienziati, tra i quali è presente anche un team italiano, capitanato da Gianpiero Tagliaferri dell’Istituto Nazionale di Astrofisica.

E’ probabile che la sorgente , chiamata Swift J1745-26, disti tra i venti e i trentamila anni luce dal centro della Via Lattea: è possibile che il buco nero faccia parte di un sistema binario, cioè  una coppia di oggetti astronomici che ruotano in orbita attorno a un centro di massa comune. In questo caso l’oggetto speculare sarebbe una stella simile per dimensioni al Sole. Il flusso di gas, passando dalla stella al perimetro del buco nero ha prodotto  i raggi X.

Al momento sono state individuati 2 episodi distinti di produzione di raggi, il primo risale al 16 settembre, il successivo è avvenuto a distanza di due giorni e ha prodotto un emissione di energia pari a diecimila elettronvolt.

 

About the author

Sonia C

Sono una giovane donna che si arrabatta: appassionata di comunicazione, curiosa sempre, con una leggera tendenza alla tuttologia. Al momento me la cavo con la chiacchiera. Sul mio blog Parole Take Away, vendo parole o fumo a seconda dei punti di vista.

ADV

ADV