Cronaca meteo Primo Piano

Neve su Alpi e Appennini a quote basse a fine mese? Forse si!

28-novembre

Neve su Alpi e Appennini a quote basse a fine mese? Forse si!  Scriviamo forse, perchè le analisi a lungo termine, come tutti sappiamo, hanno un’attendibilità molto bassa rispetto al breve termine, tuttavia proviamo a spingerci in una previsione azzardata per la fine di novembre.

Tra il 20 ed il 23 novembre saremo sotto debole influenza anticiclonica, la cui curvatura farà affluire aria moderatamente fredda dai Balcani.  I cieli si presenteranno soleggiati sulle regioni tirreniche, più nuvolosi su quelle adriatiche. Poche le precipitazioni.

Osservando l’immagine sotto, possiamo notare le 3 figure bariche predominanti; Alta Russa a destra, vortice polare tra le isole britanniche e la Scandinavia, ed in fine l’alta pressione delle Azzorre a sinistra in pieno Atlantico e sarà proprio quest’ultima a decidere il cambiamento del tempo a fine mese.

22novembre

Tra il 24 ed il 26 novembre avremo abbassamento del vortice polare che causerà la prima fase di maltempo su tutta la penisola, la neve inizialmente cadrà solo oltre i 1500 sulle Alpi, 1800-2000 su Appennino ma in progressivo calo dal giorno 25 novembre.

Osservando l’evoluzione prevista per il giorno 25 novembre, possiamo notare un deciso abbassamento dei geopotenziali  e la presenza di una -30 a 5500 mt a ridosso della catena alpina,  allo stesso tempo però possiamo notare anche un tentativo da parte dell’alta Azzoriana di tornare ad impossessarsi del comparto Mediterraneo. Ce la farà? segue sotto

25novembre

Tra il 27 ed il 29 avremo un peggioramento di stampo prettamente invernale, con neve attorno ai 300mt al nord, ma non è del tutto escluso che qualche fiocco di neve possa raggiungere anche alcune località pianeggiati, neve che cadrà sopra i500-700 metri al centro e 700-1000 metri al sud.  La fase di maltempo potrebbe durare dai 3 ai 5 giorni, ovviamente da confermare.

Analizzando l’ultima immagine sotto e relativa al giorno 28 novembre, notiamo un allungamento verso latitudini più settentrionali dell’alta azzoriana che favoriscono nel contempo, la discesa del vortice ciclonico freddo verso l’Europa centro-meridionale. Naturalmente essendo previsioni a lungo termine consigliamo di seguire i prossimi aggiornamenti ma è già un buon punto di partenza.

28-novembre

ADV

ADV