Focus Oggi

Neve: Da sabato 1 dicembre si scia su tutto l’arco Alpino, dalla Valle D’Aosta al Veneto.

Neve Alpi da mongolfiera

Puntuale come da previsione è arrivata la neve su tutto l’Arco alpino con accumuli consistenti soprattutto sulla fascia centro occidentale.   Grazie alle abbondanti nevicate che hanno interessato un po tutte le località sciistiche invernali, da sabato 1 dicembre si  torna a sciare un po ovunque. La neve è caduta abbondante sopratutto in quota, sopra i 1600mt, con accumuli  da 60 a 150 cm, mentre tra i 1000 ed i 1500 mt gli accumuli variano dai 15 ai 45 cm.

Una splendida immagine ripresa questa mattina da una Mongolfiera nei pressi di Bolzano al confine tra Austria e Italia. 

Neve Alpi da mongolfiera

La situazione regione per regione.

Valle D’aosta: Probabilmente una delle regioni, assieme al Piemonte, ad aver ricevuto gli accumuli maggiori. Confermate quindi le aperture delle stazioni sciistiche di Courmayeur, La Thuile, Pila, Breuil-Cervinia e Monterosa Ski che grazie alla tanta neve ricevuta, offriranno sin da subito moltissimi chilometri di piste perfettamente preparate. Non possiamo non citare il Comprensorio del Cervino che sabato sarà “full open” con 2 nuovissimi tracciati che vanno ad aggiungersi ai  360 km di piste già esistenti.

Piemonte: Grazie alle nevicate dei giorni scorsi è stata anticipata ad oggi (venerdì 30 novembre)  l’apertura dei comprensori del Sestriere e Sauze d’Oulx.  Il tutto grazie ad un manto nevoso che varia dagli 80 ai 120 centimetri!! Bisogna aggiungere inoltre che per festeggiare la prima neve, il costo dello skipass giornaliero fino a giovedì 6 dicembre sarà scontato per tutti a 26 Euro.

Trentino Alto Adige: oltre mezzo metro di neve sopra i 1500 metri saranno sufficienti a far partire ufficialmente  la stagione invernale 2012/13? Ovviamente si, e ci sarà anche un’ampia scelta, ne citiamo solo alcune; Madonna di Campiglio dove sono caduti 30cm in Paese e oltre 120 in quota, Passo del Tonale 70cm, Val di Fassa,  Pampeago, Andalo, Val di Fiemme a Passo Rolle.

Non ci sono giunte ancora informazioni “precise” per quanto riguarda Veneto e Lombardia mentre, per quanto riguarda il Friuli Venezia Giulia, le aperture degli impianti sono state posticipate all’8 dicembre “neve permettendo”.

 

ADV

ADV