Cronaca meteo Primo Piano

Maltempo Toscana: A Carrara, esonda il torrente Carrione, situazione critica anche in altre zone

Maltempo toscana

Maltempo toscanaAllarme maltempo nel nord Italia, soprattutto nel versante occidentale. A poche settimane dalle alluvioni della Toscana e ad un anno dalla bomba d’acqua che investì Genova devastando un quartiere della città, si perpetua lo stato di allerta.
Questa la situazione: A Carrara, l’esondazione del torrente Carrione sta creando notevoli disagi e nella notte l’evacuazione di una ventina di abitanti “a rischio” in particolare disabili e anziani.
Situazione analoga in Lunigiana con l’esondazione del torrente Lucido. Frane e pioggia intensa anche a Massa. Situazione di gravità tale da aver indotto tutti i sindaci della zona alla chiusura preventiva delle scuole. Buone notizie per Firenze che ieri pomeriggio era stata colpita dal nubifragio e aveva vissuto attimi di terrore attorno alla piena del torrente Mugnone. Per fortuna e grazie all’operato dei tecnici della protezione civile, l’mergenza è stata arginata e si è tornati alla normalità.
Disagi nel grossetano, numerose le strade chiuse in direzione nord per allagamenti e frane. Problemi dovuti anche alla tromba d’aria che ieri ha investito la zona.
la pioggia non risparmia la Liguria, sono attualmente sotto allerta i comuni di La Spezia, Savona e Genova anche se per ora si sono registrate frane e smottamenti solo nella regione di Ortonovo.
La circolazione ferroviaria ha subito molti rallentamenti nella zona di valico fra Liguria e Toscana per la piena dei torrenti Carrione e Parmignola che hanno costretto i convogli su un solo binario.
Molti sono stati già in mattinata gli interventi dei vigili del fuoco che hanno dovuto soccorrere gli automobilisti sorpresi dalla furia dell’acqua.
Scendendo a sud, c’è stata un’ imponente mareggiata a Ostia, nella costa sud del lazio e disagi per gli alberi caduti si sono verificati anche nel litorale nord nei pressi di Santa Marinella dove sono ancora all’opera i mezzi di soccorso. Allerta anche in Sicilia dove più che il pericolo più che dal nubifragio è dato dal vento che ha sradicato alberi e fatto volare le tegole dei tetti nell’area di Palermo.
In tutte queste zone la protezione civile ha diramato l’allerta meteo per rischio idrogeologico valida per le prossime 36 ore. Si raccomanda di non mettersi in viaggio se non strettamente necessario.
la protezione civile ha allertato anche il corpo forestale dello stato, l’ente forestale, le province e i comuni interessati dalla perturbazione. Sono previste intense precipitazioni, temporali con frequente attività elettrice e forti venti. Mareggiate lungo le fasce costiere e rischio di esondazione dei fiumi.

ADV

ADV