Tempo Libero

Le nuove veline striscia la notizia.

Nuove veline striscia la notizia

Ecco le due nuove Veline (! con due VV e il punto esclamativo per dirla alla Ezio Greggio):  Alessia Reato, mora di 22 anni e Giulia Calcaterra bionda di 20. Il bancone più celebre della tv italiana avrà  anche questa volta due giovani e carine assistenti, con buona pace delle polemiche post femministe: il sogno di diventare velina persiste tra le ragazze, come ha dimostrato anche quest’anno una selezione affollatissima. Almeno 84 partecipanti sono riuscite ad accedere alle semifinali e si sono cimentate in stacchetti, sorrisini e gaffes più o meno al limite della decenza, sapientemente orchestrate da quel buontempone di Greggio (ai fili, come sempre, quella  vecchia volpe di Antonio Ricci).

Nuove veline striscia la notizia

Se si quieta per il momento la polemica sulla figura delle donne a Striscia la notizia ( ricordiamo che quest’anno ci sarà Michelle Hunzinker alla conduzione e anche lei ha iniziato solo con un sedere su un poster ) nascono però dei dubbi in rete sulla scelta delle due ragazze: come è ovvio le signorine non sono a digiuno di apparizioni televisive, sebbene risultino ufficialmente solo studentesse.

Alessia è già stata “schedina” a Quelli che il calcio mentre Giulia, campionessa di ginnastica artistica, ha già provato lo scorso anno ad aggiudicarsi il titolo di Miss Italia ( non è stata fortunata, per un errore tecnico  della giuria è stata squalificata e poi ripescata) . Qualche foto hot sparsa qua e là per entrambe…Niente di anormale insomma, ma in particolare sulla mora si insinua il più inquietante dubbio sulla sua figura di possibile “raccomandata”.

Alessia Reato è infatti figlia di Marco Reato, un nome una garanzia, imprenditore noto per aver importato in Italia il marchio Kirby già finito sotto i riflettori della trasmissione per alcune irregolarità nella gestione delle vendite. Il fratello di Alesssia è un giocatore nella squadra giovanile del Milan e il marchio è stato sponsor dell’Inter. Lungi dall’insinuare che la famiglia Reato sia un po’ troppo in vista, ma insomma, almeno la ragazza parte avvantaggiata per gli immancabili futuri flirt con campioni in calzoncini.

Al momento gli epiteti  più popolari per entrambe  sono “non bellissime” e “raccomandate”…di sicuro un’esagerazione, ma Antonio Ricci ci tiene comunque a precisare che le ragazze sono “in prova”: se entro Natale non soddisferanno il piacere del pubblico saranno simpaticamente rispedite al mittente.

Non fate un paragone con la “donna oggetto”: quanti lavori avete svolto senza superare  prima il terribile periodo di prova?

 

 

About the author

Sonia C

Sono una giovane donna che si arrabatta: appassionata di comunicazione, curiosa sempre, con una leggera tendenza alla tuttologia. Al momento me la cavo con la chiacchiera. Sul mio blog Parole Take Away, vendo parole o fumo a seconda dei punti di vista.

ADV

ADV