Cani Gatti & Co

I famosi gatti del Largo argentina ( Roma ) sono a rischio sfratto!

Largo-Argentina-Gatti

Penso sempre che l’avi miei tra ruderi e mausolei
sapevano già fasse rispettà e considerà da nobbili e plebei

II famosi gatti del Largo argentina (Roma) sono a rischio sfratto! Come ricorda la celebre canzone di Romeo, il gattone rosso de Gli Aristogatti, i felini randagi  delle aree  archeologiche di Roma e in particolare di quella di Largo Argentina  occupano da secoli la zona, praticamente dai tempi di Giulio Cesare.

Una polemica particolarmente aspra sta coinvolgendo in questi giorni l’Amministrazione della città e le associazioni animaliste del territorio: per  la Soprintendenza per i Beni Archeologici i gatti che abitano tra i ruderi dovranno trovare una nuova casa.

Romeo e i suoi amici sono a rischio sfratto?

Un bel guaio se si considera che si parla di quasi 200 animali randagi accuditi da diverse associazioni e  da comuni cittadini: i mici storici sono  diventati nel tempo uno dei simboli del posto, tanto da essere diventati protagonisti anche di foto e calendari souvenir.

Mariarosa Barbera, responsabile del dipartimento di archeologia di Roma trova non nei gatti in sé il problema, quanto nella piccola costruzione abusiva nei pressi delle rovine di un tempio utilizzata dai volontari per la Colonia Felina di Largo Argentina per lo stoccaggio di cibi e medicinali destinati agli animali.

Per l’ente pubblico quindi il problema va ristretto all’area sacra che andrebbe completamente evacuata: l’associazione si è dimostrata disponibile a una collaborazione per il continuo mantenimento del decoro urbano, ma non intende assolutamente cedere al parere della Soprintendenza.

I gatti “trovati” nei pressi del parapetto del tempio, come avverte un cartello, saranno portati al gattile: non si capisce come  i mici dovrebbero imparare a leggere i cartelli per non rischiare di essere cacciati da casa loro!

Il caso, dopo essere stato citato anche da testate estere,  è arrivato perfino in Parlamento e poche ore fa il Sindaco Alemanno ha voluto sottolineare su Twitter, insieme al suo gatto certosino, che personalmente si ritiene dalla parte dei mici.

Speriamo che la Soprintendenza si renda conto che anche queste deliziose creature, libere e fiere,  sono testimoni della Roma che è stata, è, e sarà e come le opere d’arte meritano tutela, rispetto e cure costanti.

 

About the author

Sonia C

Sono una giovane donna che si arrabatta: appassionata di comunicazione, curiosa sempre, con una leggera tendenza alla tuttologia. Al momento me la cavo con la chiacchiera. Sul mio blog Parole Take Away, vendo parole o fumo a seconda dei punti di vista.

ADV

ADV