Tempo Libero

Decluttering di stagione: pulizie di…Natale!

Babbo Natale

Babbo NatalePulizie di…Natale!  Per chi ancora non lo sapesse il termine “decluttering” indica l’ottima pratica di sbarazzarsi di ciò che è inutile: in casa, in ufficio, in auto.

Ammettiamolo…chi non ha almeno un cassetto, o addirittura un intero ripostiglio, pieno di oggetti tenuti da parte perchè “non si sa mai”, o perchè “mi dispiace buttarlo, è ancora buono”?

E’ arrivato il momento di liberarsene: il decluttering fa bene!
Prima di tutto, a livello pratico: liberare spazio fisico aiuta ad alleggerire le pulizie, è ben diverso spolverare 30 suppellettili o 3, avere un armadio straripante o vedere chiaramente cosa c’è dento.
Secondariamente, più spazio “fuori” aiuta a fare anche più spazio “dentro”, cioè ad alleggerirci mentalmente (anche se facciamo finta di non saperlo, lo SAPPIAMO, che dovremmo sistemare quel ripostiglio!).

Perchè aspettare, quindi? Non è solo la primavera, il momento giusto per fare pulizia e spazio.

Via con le pulizie di Natale!
Perchè a Natale? Perchè un decluttering ben fatto può farci anche risparmiare qualcosa al momento dei regali. Sfatiamo un mito: i regali “riciclati” non sono Satana! E in un periodo di crisi economica come questo non è il caso di farsi sfuggire la possibilità di risparmiare, anche a Natale.

Come procedere? Per il decluttering bisogna procedere con ordine (è spiegato qui).

Ecco alcuni consigli per un buon decluttering natalizio:

Guida alla caccia dei “tesori dimenticati”:

  1. In cucina:

– vasetti di marmellata, miele, confettura (ovviamente sigillati): possono essere sistemati in una bella scatola e fare felice qualche goloso

– cioccolatini, caramelle, biscotti (anche in questo caso, confezionati): ottimo regalo “generico”

 

  1. In bagno:

– creme per il corpo, saponi dalla forma particolare, profumi: inutile tenere per anni la confezione chiusa perchè “è tanto bella”, meglio regalare tutto a qualcuno che ne faccia buon uso

 

  1. Nell’armadio:- sciarpe, guanti, cuffie: è incredibile quante sciarpe si possano accumulare dentro un solo, piccolo cassetto di un armadio. Controllate bene: potreste scoprire di avere 4 sciarpe verdi. E voi odiate il verde. Sicuramente conoscete qualcuno che invece lo ama. Agite.

    – abbigliamento adulti: è un caso particolare. Anzichè fare un regalo natalizio, potete però contattare le vostre amiche e chiedere se sono interessate a qualche capo.

    – abbigliamento bambini: chi ha figli piccoli è SEMPRE in cerca di vestitini, tutine, cuffiette, scarpine. L’abbigliamento dei bambini non fa in tempo a consumarsi, il pargolo cresce e la roba si accumula. Tenete solo ciò a cui siete particolarmente legate, e regalate il resto ad amiche e parenti mamme da poco.

 

  1. Il resto della casa:- candele profumate e non: sono un regalo poco impegnativo, ma gradito (da chi le ama)

    – libri: siete sicure di voler tenere due copie dello stesso romanzo?

    – peluches, giocattoli, giochi dei bambini: lavate i peluches, controllate che i giocattoli siano integri e via, avete pronto il regalo di natale per i figli delle amiche.

    – oggetti vari: soprammobili, centrotavola, oggettini non ben definiti, portachiavi e così via. Guardateli bene. Possono  piacere a qualcuno? Ottimo.  In caso contrario…c’è comunque una soluzione.

E questo…a chi lo regalo?

Non è detto che conosciamo di persona il destinatario giusto per ogni oggetto che non vogliamo né buttare né tenere. E allora che fare? Molto semplice. Possiamo rivolgerci a:

– biblioteche di quartiere o di piccoli centri: libri in buono stato, per ragazzi o per adulti, e in certi casi anche giochi in scatola

– asili e scuole dell’infanzia: giocattoli, giochi e peluches.

– organizzazioni di volontariato: vestiti (adulti e bambini), giochi per bambini, in alcuni casi libri, oggetti vari (basta chiedere).

ADV

ADV