Focus Oggi Primo Piano

Da giovedì cambio di circolazione: in arrivo freddo e neve a quote basse.

neve gelo Italia

neve gelo ItaliaDa giovedì cambio di circolazione: in arrivo freddo e neve a quote basse: Fino a mercoledì saremo protetti da una cupola anticiclonica che manterrà un tipo di tempo stabile e soleggiato e valori termici ancora sopra la media stagionale su gran parte della penisola, solo in Pianura Padana si ricomincerà ad assaggiare un clima più invernale grazie al ristagno di aria umida nei bassi strati che favorirà la formazione di nebbie diffuse sopratutto sui settori centro orientali.

La fase stanca ha comunque i giorni contati, già dalla giornata di giovedì la cupola anticiclonica di matrice azzoriana sposterà il suo baricentro sulla Spagna occidentale, favorendo così l’ingresso di  impulsi freddi  ed instabili di origine artica sul Mediterraneo centrale. L’evoluzione sarà piuttosto lenta e caraterizzata inizialmente da un calo termico nemmeno troppo incisivo, ma sufficiente a far tornare le temperature su valori tipici di metà gennaio.

Un peggioramento più consistente è atteso a partire dalla giornata di sabato 12 gennaio, quando un veloce fronte freddo scivolerà dal nord Europa verso il nord Italia, il suo ingresso occidentale favorirà la formazione di un minimo di bassa pressione sul golfo ligure ed un conseguente peggioramento generalizzato su tutto il territorio Italiano. Le temperature subiranno un ulteriore calo  mentre i venti si rafforzeranno da Maestrale sulle regioni tirreniche, di bora e grecale su quelle adriatiche. Per quanto riguarda le precipitazioni, ancora non vi è ancora certezza su quantità e distribuzione dei fenomeni, mentre saranno altamente probabili nevicate fino a bassa quota sul nord Italia ed in particolare su Piemonte e bassa Lombardia, sopratutto a cavallo tra la giornata di domenica e lunedì prossimo.

Al momento nessun  modello fisico matematico mostra eventi legati al gelo di significativa importanza e nemmeno nevicate a quote prossime alla pianura sulle regioni del centro Italia. Ovviamente consigliamo di seguire i prossimi aggiornamenti.

Tags

ADV

ADV